ADDIO A MORENO GRASSI, IL RICORDO DEL DIESSE GABRIELE BALDUCCI

IL TEAM MASTROMARCO SENSI NIBALI SVELA LA NUOVA MAGLIA
22 Gennaio 2019
News On Effortless GoDateNow RussiansBrides Products
2 Febbraio 2019

28-01-2019/ Sabato 26 gennaio nella sua abitazione di Poggio a Caiano (Prato) è morto Moreno Grassi, di anni 84, personaggio conosciuto come grande imprenditore oltre che figura nota e apprezzata nel mondo del ciclismo.

Questo il ricordo commosso del direttore sportivo Gabriele Balducci: “Con la morte di Moreno Grassi se ne va un pezzo importante della mia storia di ciclista e di uomo. Mi ricordo come fosse ieri quando sono arrivato dalla Magni Arredo nello squadrone Grassi Mapei che allora era la squadra dilettantistica satellite della grande Mapei che tutti conosciamo. Era stato proprio il Patron Moreno Grassi a volermi con loro, dandomi la possibilità di crescere e maturare, furono due anni intensi e stupendi che poi mi spalancarono le porte del professionismo con il passaggio nella Refin Mobilvetta. A Moreno devo molto della mia carriera, io come tanti altri corridori dell’epoca divenuti poi campioni. Lui è stato una persona che ha dato molto e ha fatto tanto per il ciclismo, quando qualcuno gli ha chiesto una mano non si è mai tirato indietro. Proprio per questo, se devo essere sincero, oggi al suo funerale mi ha fatto male, e sono rimasto deluso, nel constatare la quasi totale assenza delle istituzioni del ciclismo. Penso meritasse un po’ più di considerazione per quello che ha fato per la bicicletta. Io comunque di Moreno avrò sempre un bellissimo ricordo, delle chiacchierate insieme, dei consigli che mi ha dato a volte anche dei rimproveri…tutte cose che nella vita mi sono servite. Il ciclismo avrebbe ancora bisogno di persone come lui. Oggi il mio abbraccio e le mie condoglianze più sentite vanno ai figli di Moreno, i fratelli Sandro e Marco. E sono contento che da quest’anno con la loro azienda Castelnuovo Lavori siano entrati a far parte del pool di sponsor della nostra Mastromarco Sensi Nibali. Mi piace pensare che un pezzetto di quello squadrono del Patron Grassi che fu ora possa rivivere ancora sul petto delle nostre maglie”.